Comunicato Stampa

Modulazione del microbiota nella malattia di Alzheimer, una pista promettente

I n occasione della Giornata Mondiale Alzheimer, Ormendes SA è lieta di comunicare gli ultimi avanzamenti delle ricerche scientifiche sulla sua formulazione probiotica SLAB51.

Il processo di invecchiamento, le infezioni, scorrette abitudini alimentari ed inadeguati stili di vita possono alterare la composizione e la funzionalità del microbiota intestinale dell’uomo, favorendo lo sviluppo e la progressione di disordini neurodegenerativi come il morbo di Alzheimer.  Pur non avendo raggiunto un consenso globale sull’eziologia di questa malattia multifattoriale in cui proteinopatie, stress ossidativo, infiammazione e disordini metabolici coesistono, il legame tra le alterazioni del microbiota intestinale (disbiosi) ed il morbo di Alzheimer sono stati dimostrati in studi preclinici e clinici.

Poiché la disbiosi intestinale è strettamente correlata ad alterazioni della permeabilità intestinale, disfunzioni della barriera ematoencefalica e conseguenti processi neuroinfiammatori, contribuendo allo sviluppo dell’Alzheimer, il microbiota intestinale rappresenta un concreto bersaglio terapeutico.

La razionale modulazione della composizione del microbiota intestinale attraverso interventi sulla dieta ed assunzione di formulazioni probiotiche costituiscono promettenti approcci preventivi e terapeutici, in grado di incrementare la produzione di metaboliti secondari antiinfiammatori e neuroprotettivi come gli acidi grassi a catena corta.

In questo scenario, studi hanno dimostrato che la formulazione probiotica SLAB51, costituita da lattobacilli e bifidobatteri, è in grado di modificare la composizione del microbiota intestinale in un modello murino di Alzheimer, aumentando la concentrazione di batteri antiinfiammatori come i bifidobatteri e diminuendi i livelli di batteri pro-infiammatori come i Campilobacter. Queste variazioni nella composizione della microflora, unitamente ad una maggiore produzione di acidi grassi a catena corta, aumentati livelli plasmatici di ormoni neuroprotettivi e parziale recupero della proteolisi, spiegano parzialmente la riduzione del declino cognitivo, dei danni cerebrali e degli aggregati proteici (placche amiloidi e grovigli neurofibrillari) nei soggetti malati.

Inoltre il miglioramento del quadro ossidativo ed infiammatorio a livello cerebrale e dell’omeostasi energetica (glucidica e lipidica) osservati nei topi Alzheimer in seguito alla supplementazione cronica con SLAB51 contribuiscono a spiegare i molteplici meccanismi d’azione dei probiotici ed i loro effetti sull’asse intestino-cervello.

In dettaglio la supplementazione cronica con SLAB51 è in grado di ripristinare l’uptake cerebrale di glucosio, ridurre l’insulino-resistenza, migliorare il profilo lipidico plasmatico, inibire la biosintesi del colesterolo e la sintesi degli acidi biliari.

Queste evidenze contribuiscono a spiegare i meccanismi attraverso i quali la modulazione strategica del microbiota intestinale con la giusta combinazione di ceppi batterici può efficacemente contrastare i segni dell’Alzheimer e le alterazioni metaboliche ad esso associate, senza effetti collaterali.

Referenze bibliografiche complete disponibili qui.

Agimixx®

Agimixx® è un integratore alimentare contenente la miscela probiotica SLAB51 ad una concentrazione di 100 miliardi di UFC (Unità Formanti Colonie) per bustina. Il prodotto non ha lo scopo di trattare, prevenire o curare alcuna malattia. Maggiori informazioni alla pagina www.agimixx.net

Ormendes SA

Ormendes SA è una compagnia svizzera di biotecnologie specializzata nello sviluppo e nella distribuzione di probiotici di alta qualità ed elevata concentrazione, che crede nel potenziale della batterioterapia orale per la salute umana. Maggiori informazioni alla pagina www.ormendes.ch

Contatto stampa

Florence Pryen, Managing Director
+41 (0)79 640 75 20
f.pryen@ormendes.ch

Bibliografia recente

Bonfili L, Cuccioloni M, Gong C, Cecarini V, Spina M, Zheng Y, Angeletti M, Eleuteri AM Gut microbiota modulation in Alzheimer's disease: Focus on lipid metabolism Clinical Nutrition 41(2022) 698-708. https://doi.org/10.1016/j.clnu.2022.01.025

Bonfili L, Gong C, Lombardi F, Cifone MG, Eleuteri AM Strategic Modification of Gut Microbiota through Oral Bacteriotherapy Influences Hypoxia Inducible Factor-1: Therapeutic Implication in Alzheimer’s Disease Int. J. Mol. Sci. 2022, 23, 357. https://doi.org/10.3390/ijms23010357

Bonfili L, Cecarini V, Goggoi O, Berardi S, Scarpona S, Angeletti M, Rossi G, Eleuteri AM. Gut microbiota manipulation through probiotics oral administration restores glucose homeostasis in a mouse model of Alzheimer’s disease. Neurobiol Aging. 2020 Mar;87:35-43. doi: 10.1016/j.neurobiolaging.2019.11.004

Bonfili L, Cecarini V, Cuccioloni M, Angeletti M, Berardi S, Scarpona S, Rossi G, Eleuteri AM. SLAB51 probiotic formulation activates SIRT1 pathway promoting antioxidant and neuroprotective effects in an AD mouse model. Mol Neurobiol. 2018 Oct;55(10):7987-8000. doi: 10.1007/s12035-018-0973-4